Vai al contenuto principale
Caterpillar Storia di M'illumino di Meno

Storia di M'illumino di Meno

Storia di M'illumino di Meno - RaiPlay Sound

| Edizione 2022Aderisci | Decalogo  | Grafiche | ContattiStoria | English |



Caterpillar Rai Radio2

In onda da 24 anni ogni pomeriggio, si occupa con leggerezza e ironia di attualità e grandi questioni della modernità. Gli ascoltatori intervengono in diretta, senza filtri, da tutto il mondo. Da sempre i temi della sostenibilità ambientale, della salvaguardia del pianeta, dei pericoli del cambiamento climatico sono elementi centrali della trasmissione, che è condotta da Massimo Cirri e Sara Zambotti.

 

M'illumino di Meno
 

Dal febbraio 2005 Caterpillar organizza la Giornata del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili “M’illumino di Meno”, con l’invito a spegnere simbolicamente le luci nel pomeriggio del 16 febbraio, anniversario dell’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto.

In preparazione alla Giornata, il programma promuove e divulga l’utilizzo più razionale delle risorse energetiche, suggerisce modalità e approcci alle politiche di riduzione degli sprechi, condivide innovazioni e progetti messi in atto dai diversi aderenti.

Intorno alla Giornata si è sviluppato un repertorio di buone pratiche ambientali, che sono mutate negli anni con i cambiamenti tecnologici e amministrativi, sono state condivise e partecipate dall’intera comunità degli ascoltatori che a sua volta le ha integrate e arricchite.

Hanno da subito aderito fattivamente alla Giornata istituzioni, privati cittadini, scuole e università, aziende, musei, società sportive, associazioni del terzo settore.

Nella Giornata si spengono simultaneamente le maggiori piazze d’Italia e tutti i monumenti più significativi del Paese tra cui, per citarne alcuni, il Colosseo, la Torre di Pisa, l’Arena di Verona, Piazza del Campo a Siena, la Valle dei Templi ad Agrigento, il Castello Sforzesco e la Madonnina del Duomo a Milano, la Mole Antonelliana e Piazza Castello a Torino, Piazza San Marco a Venezia, il Maschio Angioino a Napoli, gli scavi di Pompei, i Bronzi di Riace, Palazzo Pitti a Firenze, la Galleria Sabauda a Torino, la Reggia di Caserta, gli Studios di Cinecittà.

Nel 2008, con una edizione proiettata su scala internazionale, si sono spenti per “M’illumino di Meno” la Tour Eiffel a Parigi, a Vienna la Ruota del Prater, a Londra la Colonna di Nelson e tutta Trafalgar Square e il Foreign Office, a Sofia il Teatro Nazionale, a Edimburgo il Castello, ad Atene la sede del comune e la Chiesa di San Giorgio.

Nel 2011, in concomitanza con i festeggiamenti per i 150 anni dell’Unità d’Italia, Caterpillar ha convocato 150 sindaci di tutto il paese per far sottoscrivere loro un impegno ad amministrare le proprie città con oculatezza all’insegna della sostenibilità ambientale. Nelle piazze spente di tutto il Paese si sono accese luci pulite a tema tricolore.

Nel 2014 il focus della Giornata è stato il coinvolgimento dei musei di tutta Europa, per sottolineare la centralità della cultura nei cambiamenti degli stili di vita. I rappresentanti di molte ambasciate si sono confrontati sui temi dell’energia; hanno aderito i maggiori musei italiani e la National Gallery di Londra.

Cuore dell’edizione 2015 sono state le scuole di ogni ordine e grado, anche quelle italiane all’estero, cui è stato chiesto di manifestare simbolicamente il proprio amore per il Pianeta con iniziative speciali in tutti i plessi. L’astronauta Samantha Cristoforetti dalla Stazione Spaziale Internazionale ha fotografato e twittato lo spegnimento simultaneo della Penisola.

Nel 2016 la Giornata è stata dedicata alla mobilità sostenibile e alla bicicletta con l’iniziativa “Bike The Nobel”, che ha candidato la bicicletta al Premio Nobel per la Pace. Sono state raccolte diecimila firme tra i cittadini ed è stata avanzata la candidatura ufficiale al Nobel con il sostegno di 118 parlamentari di tutti gli schieramenti.

Nel 2017, la campagna ha proposto un gesto di condivisione. È ormai noto come la più grande dispersione energetica sia causata dallo spreco in tutti gli ambiti dei nostri consumi: alimentazione, trasporti, comunicazione. Per questo Caterpillar ha invitato tutti gli ascoltatori a mettersi in gioco con diverse attività di risparmio energetico incentrate sulla condivisione: c’è stato chi ha dato un passaggio in auto ai colleghi, chi ha organizzato una cena collettiva nel proprio condominio, chi ha aperto la propria rete wireless ai vicini e in generale ha condiviso le proprie risorse in un gesto concreto anti-spreco e motore di socialità.

Nel 2018 il centro della campagna è stata la bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. L’obiettivo simbolico era quello di raggiungere a piedi la Luna, organizzando una marcia, una processione, una ciaspolata, una staffetta, una maratona e, per le scuole, un pedibus.

Nel 2019 M’illumino di Meno si è concentrata sull’economia circolare come sistema che incentiva il riutilizzo dei materiali e la riduzione degli sprechi, nell’ottica di allontanare il “fine vita” delle cose. Perché è vero che le risorse finiscono, ma è anche vero che tutto si rigenera: le bottiglie dell’acqua minerale diventano maglioni, la carta dei giornali ritorna carta dei giornali, una cornetta del telefono diventa una lampada, i fanghi diventano biogas.

Nel 2020 l’invito è stato a piantare alberi e piante, perché si nutrono di anidride carbonica. Gli alberi e le piante emettono ossigeno, filtrano le sostanze inquinanti, prevengono l’erosione del suolo, regolano le temperature, sono macchine meravigliose per invertire il cambiamento climatico. Abbiamo poco tempo e il termometro globale continua a salire. Quindi piantiamo alberi. Gli scienziati di tutto il mondo concordano: la parola d’ordine per l’inversione del cambiamento climatico è riforestazione.

L’edizione 2021 è stata dedicata al “Salto di Specie”, l’evoluzione ecologica nel nostro modo di vivere che dobbiamo assolutamente fare per uscire migliori dalla pandemia. L’invito era a raccontare i piccoli e grandi Salti di Specie nelle nostre vite. Quelli già fatti e quelli in programma: dalla mobilità all’abitare, dall’alimentazione all’economia circolare.

Nel 2022, la diciottesima edizione è dedicata alla bicicletta e al rinverdimento: Pedalare, Rinverdire, Migliorare. La campagna promuoverà l’uso della bicicletta seguendo la traversata dell’Europa che un’ultraciclista, Paola Gianotti, farà da Stoccolma a Milano e inviterà scuole e cittadini, con la collaborazione del Raggruppamento dei Carabinieri per la Biodiversità, a piantare quanti più alberi possibile come strumento per mitigare il riscaldamento climatico.

Da sempre lo spegnimento delle luci nella Giornata si è affiancato a variegate manifestazioni festose organizzate in tutto il paese: concerti a impatto zero, grandi cene collettive a lume di candela, eventi sportivi al buio, incontri sui temi dell’energia e degli stili di vita sostenibili nelle scuole di ogni ordine e grado, spettacoli teatrali alimentati a bicicletta, feste di piazza che mettono al centro il risparmio energetico non come sacrificio ma come “pride” dell’ottimizzazione intelligente e del rispetto del Pianeta.

Il risultato più importante della Giornata è l’aver diffuso un chiaro messaggio sull’incidenza dei comportamenti quotidiani sui consumi energetici e sull’inquinamento: dallo spegnimento dello stand-by degli elettrodomestici all’utilizzo delle lampadine a risparmio energetico, dall’applicazione dei rompigetto ai rubinetti all’adesione al car-sharing, dalla raccolta differenziata dei rifiuti alla mobilità sostenibile.

Da 18 anni, con M’illumino di Meno, spegniamo le luci per promuovere il risparmio energetico e gli stili di vita sostenibili.

25/01/2022