Vai al contenuto principale

Piazza Verdi "Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario..."

Piazza Verdi

"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario..."

"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre." (Primo Levi). Con Oliviero Ponte Di Pino. Presentiamo in anteprima il programma che Il Conservatorio di Milano dedicherà al Giorno della Memoria con l'intervento di Cristina Frosini (direttrice Conservatorio di Milano), di Lydia Cevidalli (docente del Conservatorio di Milano) e l'esibizione di Elisa Dal Corso (canto) e di Paolo Camporesi (fisarmonica) con l'esecuzione di brani composti da Ilse Weber, Abraham Brudno e di Nicola Piovani. Tre artisti dallo stile inconfondibile si sono incontrati per creare lo spettacolo teatrale "Madre": Ermanna Montanari, attrice e autrice, Stefano Ricci, pittore e illustratore, Daniele Roccato, compositore e contrabbassista solista. A partire dalla drammaturgia scritta per loro da Marco Martinelli, si confrontano in scena intrecciando gli onirici disegni live di Ricci alle magmatiche sonorità vocali di Montanari, che dà voce sia al Figlio che alla Madre, e a quelle dolci e lancinanti del contrabbasso di Roccato. "Musica & Regime" è un progetto a lungo termine di riscoperta della musica vietata durante il regime nazista. Musica vietata per motivi "razziali", politici o estetico-musicali: queste le ragioni che hanno impedito al pubblico dell'epoca di poter usufruire e godere dell'energia che le estremamente variegate tendenze musicali di quel periodo volevano trasmettere. Recuperando in molti casi opere ingiustamente lasciate all'oblio, i concerti di "Musica & Regime" sono un'occasione per poter ascoltare bellissima musica, conoscere le difficili vite dei tanti compositori vittime delle leggi razziali e dell'Olocausto e riflettere su quanto sia importante la libertà d'espressione. La collettività avrebbe dovuto allora (e dovrà sempre in futuro) riconoscere come un "campanello d'allarme" e rifiutare con fermezza la messa al bando della musica. Ne parliamo con il Maestro Stefano Zanobini. Catia Donini ci porta al cinema con "Ennio" regia Giuseppe Tornatore.

22 Gen 2022