Vai al contenuto principale

Radio3 Scienza L'Ucraina, la guerra e le centrali nucleari

Radio3 Scienza

L'Ucraina, la guerra e le centrali nucleari

Nel 2021 più del 53% dell'energia elettrica prodotta in Ucraina è stata generata dalle sue quattro centrali nucleari ancora attive. Dopo gli scontri a Chernobyl e la presa da parte delle truppe russe della centrale di Zaporizhzhia, il tema del nucleare è tornato a occupare le prime pagine dei giornali. Il timore è che anche le altre centrali ucraine possano trovarsi al centro di azioni belliche, che potrebbero dar luogo a una pericolosa dispersione di materiali radioattivi. La rete di sorveglianza internazionale è impegnata da giorni in un attento monitoraggio della situazione: come si lavora in questi casi? Tra Chernobyl e Zaporizhzhia, se il controllo delle centrali nucleari costituisce un obiettivo strategico per i russi, come potrà essere garantita la sicurezza degli impianti in un teatro di guerra? Ne parliamo con Paolo Zeppa, responsabile area centrali nucleari, salvaguardia e protezione fisica dell'ISIN - Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione e con Wolfango Plastino, docente di fisica applicata all'università di Roma Tre, membro del Gruppo consultivo permanente per l'Assistenza tecnica e la cooperazione dell'AIEA - Agenzia internazionale per l'energia atomica. Con Marco Motta

07 Mar 2022