Vai al contenuto principale

Piazza Verdi "Quando c'è un suono originale nel mondo, esso fa centinaia di echi"

Piazza Verdi

"Quando c'è un suono originale nel mondo, esso fa centinaia di echi"

"Quando c'è un suono originale nel mondo, esso fa centinaia di echi" (John G. Shedd). Conduce Gaia Varon. Costituitosi nel luglio 2007, Il Trio Dmitrij (Henry Domenico Durante violino, Francesco Alessandro De Felice violoncello, Michele Sampaolesi pianoforte) nasce dall'incontro di giovani talenti italiani accomunati dalla passione per la musica da camera. Le esperienze cameristiche e solistiche individuali convergono in questa formazione e sono messe in discussione così da crearne una sintesi capace di rispettare le individualità e sempre rivolte ad una attenta analisi stilistico-musicale. La nostra puntata si apre proprio con la musica del Trio Dmitrij e le composizioni di Dmitri Shostakovich e di Sergej Rachmaninov. L'autore e regista Sergio Blanco ha creato il testo allo zoo di Parigi, stando realmente accanto a un vero gorilla: "Avevo bisogno della sua vicinanza per poter scrivere – ha dichiarato – Ogni volta che andavo a vederlo, al giardino zoologico, il mio battito cardiaco aumentava, man mano che mi avvicinavo al recinto. Appena arrivava, ci guardavamo, facevamo dei gesti, poi, a poco a poco, cominciavo a scrivere. Un giorno ho compreso che non stavo scrivendo su di lui ma per lui, e questo mi affascinava. Un altro giorno, i veterinari mi hanno spiegato che anche la frequenza cardiaca dell'animale accelerava quando mi vedeva avvicinarsi. Mi sono dovuto assentare per due settimane. Quando sono tornato, è venuto davanti a me e ha pianto. Ho pianto anch'io. Ed è stato lì, in quel preciso momento, che ho capito che entrambi ci stavamo dirigendo verso qualcosa di innominabile. L'unica cosa che potevo fare era abbandonarmi, cioè darmi anima e corpo alla scrittura. Ed è ciò che ho fatto". Nasce così "Zoo", ultima produzione del Piccolo Teatro di Milano, che oggi presentiamo con Sara Putignano e Lino Guanciale. Mercedes Sosa è da molti definita come la più grande cantante argentina e del Sudamerica del ventesimo secolo. Raffaele Casarano (sax) e Claudio Farinone (chitarra classica) decidono di selezionare alcune delle tantissime canzoni che ha portato a un successo planetario. Le privano dei contenuti del testo riportandole all'essenzialità della sola musica, con la più piccola formazione possibile. I due musicisti così, ne evocano i suoni, senza osare imitarne la voce ma reinterpretando, stravolgendo, improvvisando, riarrangiando e giocando con lo spirito drammatico e al contempo giocoso dell'opera da lei interpretata. Catia Donini ci offre consigli dalla lista di film candidati ai più recenti Academy Awards, gli Oscar.

02 Apr 2022