Vai al contenuto principale

Qui comincia Jean-Claude Michéa, "Il vicolo cieco dell'economia" (Elèuthera)

Qui comincia

Jean-Claude Michéa, "Il vicolo cieco dell'economia" (Elèuthera)

Con Attilio Scarpellini. Regia e scelte musicali di Federico Vizzaccaro | Jean-Claude Michéa, "Il vicolo cieco dell'economia", traduzione di Guido Lagomarsino (Elèuthera) | È inutile "mettere la freccia a sinistra", se non si può sorpassare. E il sorpasso del capitalismo, anche da sinistra, è impossibile se se ne condivide l'immaginario essenziale. All'utopia liberal-liberistica e alla società che essa genera (una società in cui l'indecente ricchezza e il potere di pochi hanno come necessaria condizione lo sfruttamento e l'impotenza dei molti) non può realmente opporsi una sinistra che si fonda sulla stessa logica e sullo stesso mito: le inflessibili leggi dell'Economia e il miracoloso ruolo della Tecnica. Si impone dunque una rottura radicale con l'immaginario intellettuale della sinistra che, a partire dal XIX secolo, ha soprattutto funzionato come "religione del Progresso" e si è nutrito di "razionalità" economica.

12 Mag 2022