Vai al contenuto principale

Tutta la città ne parla Accoglienza a due velocità

Tutta la città ne parla

Accoglienza a due velocità

Oggi partiamo dalla storia di Taoufik Kaoukabi, che viene dal Marocco ma viveva a Kharkiv dove si stava specializzando in chirurgia oftalmica e dove si è sposato con una donna Ucraina. Taoufik e sua moglie sono scappati dalla guerra e si sono rifugiati a Bergamo, ma in Italia, succede questo: la moglie Ucraina viene riconosciuta come rifugiata, Taoufik invece viene considerato clandestino. La storia raccontata oggi su Repubblica ci interroga sulle possibilità di accoglienza nel nostro paese e sul suo essere di serie A o di serie B. Ospiti di Pietro Del Soldà: Karima Moual, giornalista di Repubblica; Nazarena Zorzella, avvocata, membro di ASGI - Associazione Studi Giuridici sull'Immigrazione; Maurizio Ambrosini, docente di Sociologia dei processi migratori e Politiche migratorie all'Università degli Studi di Milano e responsabile scientifico del Centro studi Medi - Migrazioni nel Mediterraneo di Genova; Oliviero Forti, responsabile nazionale immigrazione e accoglienza per Caritas italiana; Alina Romanyuk, mediatrice culturale ucraina di Officine Gomitoli a Napoli che si occupa di accoglienza e assistenza scolastica per giovani e minori, oltre che di un'iniziativa di uno sportello psicologico di assistenza alle donne e giovani ucraine e profughi.

13 Mag 2022