Vai al contenuto principale

Qui comincia Marc Chagall, una storia di due mondi (Museo delle Culture, Milano)

Qui comincia

Marc Chagall, una storia di due mondi (Museo delle Culture, Milano)

Con Anna Menichetti. Scelte musicali di Ennio Speranza. Regia di Luigi Iavarone | Marc Chagall, una storia di due mondi. Dalla collezione dell'Israel Museum di Gerusalemme (Milano, Museo delle Culture, dal 16 marzo al 31 luglio) | La mostra, curata dall'Israel Museum di Gerusalemme affronta l'opera di Marc Chagall da un punto di vista nuovo, collocandola nel contesto del suo background culturale, grazie alla straordinaria collezione nell'Israel Museum, che presenta in mostra una selezione di oltre 100 opere donate per la maggior parte dalla famiglia e dagli amici di Chagall. Il progetto espositivo è dedicato in particolare ai lavori grafici di Chagall e alla sua attività di illustratore editoriale. La mostra ripercorre alcuni temi fondamentali della vita e della produzione dell'artista: dalle radici nella nativa Vitebsk (oggi Bielorussia), descritta con amore e nostalgia nella serie Ma vie, all'incontro con l'amata moglie Bella Rosenfeld, della quale illustrò i libri Burning Lights e First Encounter, dedicati ai ricordi della vita di Bella nella comunità ebraica, pubblicati dopo la morte prematura della donna e di cui in mostra sono esposti i disegni originali. I lavori esposti riflettono dunque l'identità poliedrica dell'artista, che è al tempo stesso il bambino ebreo di Vitebsk; il marito che correda di immagini i libri dell'amata moglie; l'artista che illustra la Bibbia, volendo rimediare così alla mancanza di una tradizione ebraica nelle arti visive; e infine l'originale pittore moderno che, attraverso l'uso dell'iconografia cristiana, piange la sorte toccata nel suo secolo al popolo ebraico. Saranno presenti, infine, una selezione di oggetti rituali, usati nelle cerimonie religiose delle comunità ebraiche e che sono spesso raffigurati nelle opere di Chagall. La prima sezione abbraccia il tema della cultura ebraica e Yiddish. Temi fondamentali nella definizione dell'opera di Chagall, al pari della vita a Vitebsk (oggi in Bielorussia) e dell'espressione dell'identità Russa, sono state l'osservanza della religione ebraica e la cultura Yiddish. La seconda sezione della mostra è dedicata al tema della nostalgia, evidente in molte sue opere, dalle radici nella nativa Vitebsk, descritta con amore e nostalgia nella serie Ma vie, all'incontro con la prima moglie Bella Rosenfeld. La terza sezione in mostra descrive le fonti di ispirazione di Chagall. La mostra presenta le sue illustrazioni della Bibbia: disegni e stampe su temi che esercitarono sempre un grande fascino su di lui e che rivelano un'interpretazione straordinariamente "umanista" delle Scritture; la Bibbia Ebraica (quella che racconta l'Antico Testamento) è infatti rappresentata come un ciclo di incontri storici tra l'uomo e Dio. Infine, l'ultima sezione ci porta in Francia, la nuova patria. Il ricco cromatismo che si suole associare ai dipinti e alle stampe di Chagall emerse solo nel momento in cui egli lasciò la Russia per la Francia.

03 Lug 2022