Vai al contenuto principale

Qui comincia Il Mare: Mito Storia Natura. Arte Italiana 1860-1940 (Carrara, Palazzo Cucchiari)

Qui comincia

Il Mare: Mito Storia Natura. Arte Italiana 1860-1940 (Carrara, Palazzo Cucchiari)

Con Anna Menichetti. Scelte musicali di Ennio Speranza. Regia di Luigi Iavarone | Il Mare: Mito Storia Natura. Arte Italiana 1860-1940 (Carrara, Palazzo Cucchiari, dal 9 luglio – 30 ottobre 2022), a cura di Massimo Bertozzi | Ottanta anni cruciali per la cultura italiana. E un solo fil rouge che riguarda una cinquantina di artisti. Il Mare: Mito Storia Natura. Arte italiana 1860 - 1940, curata da Massimo Bertozzi e articolata in sei diverse sezioni, propone un viaggio attraverso varie scuole artistiche italiane in anni decisivi, compresi tra la nascita del Regno d'Italia e lo scoppio della seconda guerra mondiale. Si tratta di un panorama d'arte che, in un centinaio di opere, va dai macchiaioli (Fattori) e post macchiaioli (Lloyd, Ulvi Liegi, Puccini) ai pittori cosiddetti labronici (March e Natali), dalla figurazione simbolista (Sartorio, Benvenuti, Baracchini Caputi), dal mondo colorato dei divisionisti (Nomellini) alla stagione delle avanguardie (Ram e Thayaht) e dei "ritorni all'ordine", con richiami alle grandi individualità dell'arte italiana, De Chirico, Savinio, De Pisis, Campigli, Morandi, Nathan e tra gli scultori Martini, Marino, Manzù e Messina. Un'attenzione particolare è riservata all'area ligure-apuana, e quindi ai pittori versiliesi autoctoni, come Chini, Moses Levy, Viani, o d'adozione, come Carrà, Carena, De Grada, Funi, e quindi ai cantori delle terre di Liguria, come Telemaco Signorini e agli scultori apuani come Carlo Fontana e Arturo Dazzi. Per tutti, un solo comune denominatore: il mare e quelle terre - piatte o scoscese - che vi si affacciano e che da millenni accolgono popoli che hanno scelto di viverci. Ecco, quel mare è di tutti, ma non appartiene a nessuno; e se pur questi artisti hanno visto lo stesso mare, alla fine ognuno se l'è immaginato e figurato a modo suo. La mostra è corredata da un catalogo in cui oltre alle immagini di tutte le opere in mostra, trovano spazio i testi di Franca Conti (Presidente della Fondazione Giorgio Conti) e di Massimo Bertozzi (curatore della mostra).

15 Ago 2022