Vai al contenuto principale

Pagina 3 La rivoluzione di Godard

Pagina 3

La rivoluzione di Godard

Non gli piaceva che si parlasse di lui, a Jean Luc Godard, pensava semplicemente che fosse un'idea stupida. Suo malgrado, oggi tutti i giornali lo ricordano, omaggiando la sua opera e la sua visione che ha riscritto le regole del cinema. Partiamo da qui questa mattina, per proseguire con una lettera di Tolstoj sull'importanza etica del lavoro manuale, una recensione di Finestra sul nulla di Cioran, Edgar Morin e il suo nuovo saggio Svegliamoci, le poesie inedite di Wislawa Szymborska. Il brano che accompagna la puntata è Satin doll di Duke Ellington, qui nell'interpretazione del 1964 del grande pianista McCoy Tyner, accompagnato da Willie Rodriguez e Johnny Pacheco alle percussioni, Elvin Jones alla batteria, Jimmy Garrison al contrabbasso.

14 Set 2022