Vai al contenuto principale

Radio3 Mondo Voci - Intervista a Nadezda Prusenkova, vice direttrice del giornale Novaya Gazeta

Radio3 Mondo

Voci - Intervista a Nadezda Prusenkova, vice direttrice del giornale Novaya Gazeta

Il nostro sito è stato registrato come media indipendente, ma ora non è più un media. Possiamo continuare a lavorare, ma di fatto non siamo più considerati né media né una fonte giornalistica. E se non siamo più un media ufficiale, hanno il diritto di non risponderci. La burocrazia così influisce sulla nostra professione, ad esempio negandoci gli accrediti, e ci cancella dalla categoria giornalisti. E' ovvio che si tratta di una decisione politica per impedire l'attività giornalistica indipendente. Siamo rimasti solo noi, per questo ci colpiscono. Le tecnologie oggi ci permettono di fare informazione in maniera diversa, tramite Telegram, Youtube, esiste ancora il nostro magazine stampato. Ecco, questo è il numero quattro dedicato a Gorbaciov. Contro la burocrazia cercheremo di lottare in tutti i modi e di difendere il nostro diritto e quello dei nostri lettori per fornire informazioni alternative a quelle ufficiali. Qualcuno deve rimanere in questo paese… e finché noi restiamo continueremo a combattere. Forse registreremo una nuova testata. Lo dobbiamo anche ai nostri colleghi uccisi mentre facevano il loro lavoro. Fino a quando fisicamente non ce lo proibiscono e non ci lederanno fisicamente, cercheremo di fare quello di cui le persone hanno bisogno. Novaya Gazeta, come tante persone che vivono in Russia, non sostiene la guerra in Ucraina né Putin. Noi siamo responsabili di questa guerra perché l'abbiamo permessa e non l'abbiamo prevenuta. Ma bisogna capire che anche noi siamo vittime di questa guerra e di Putin. Non bisogna odiare tutti i russi solo perché sono russi. Ma a parte la libertà di parola e Novaya Gazeta, la cosa più importante è che finisca la guerra e che finiscono di morire le persone. Magari finisse tutto ora.

21 Set 2022