Vai al contenuto principale

Tutta la città ne parla Università e ricerca in Italia e capacità attrattiva

Tutta la città ne parla

Università e ricerca in Italia e capacità attrattiva

Siamo secondi dopo i tedeschi e abbiamo vinto 27 progetti su circa 400. Parliamo di ricerca e dei finanziamenti che l'Europa attribuisce ai ricercatori di talento e di frontiera con un milione e mezzo a progetto per 5 anni. Dietro questo successo si celano però alcuni problemi. I premi vanno tutti alle università del Nord, evidenziando il divario nel paese, e se è vero che siamo bravi a formare i talenti, non siamo però altrettanto bravi a trattenerli. Ospiti di Pietro Del Soldà Francesco Sylos Labini, fisico, dopo aver lavorato tra Svizzera e Francia, è ora ricercatore presso il Centro "Enrico Fermi" di Roma e svolge le sue attività presso l'Istituto dei Sistemi Complessi del Cnr. Tra i membri di ROARS (Return On Academic Research and School), associazione per la promozione di una discussione meditata e competente sui problemi dell'università e della ricerca, Andrea Pisauro,  ricercatore in neuroscienze all'università di Birmingham, è nel gruppo che coordina il Manifesto di Londra, Giulia Pastorella, parlamentare, nel 2016 "Forbes" l'ha selezionata come uno dei 30 under 30 più influenti nel mondo della policy in Europa. È co-fondatrice di CBLab, associazione non-profit che fornisce supporto alle amministrazioni locali italiane. Per Laterza ha pubblicato "Exit Only. Cosa sbaglia l'Italia sui cervelli in fuga", Fabio Pollice,  rettore Università del Salento, Saverio Serri, coordinatore ufficio Ricerca, innovazione e internazionalizzazione del Comune di Reggio Emilia.

23 Nov 2022