Vai al contenuto principale

Radio3 Scienza Per una sola salute

Radio3 Scienza

Per una sola salute

Uno ha contribuito a tracciare le mutazioni alla base di nuove varianti di Sars-CoV-2. Un'altra è stata tra le prime a capire che Covid-19 spesso lascia un segno: il long-Covid. Un altro ancora, invece, è riuscito ad arginare l'epidemia di vaiolo delle scimmie in Nigeria. Sono il genetista Yunlong Cao, la ricercatrice Lisa McCorkell e l'infettivologo Dimie Ogoina: tre dei "Nature's 10", delle dieci persone che quest'anno hanno contribuito a plasmare la scienza secondo la rivista Nature. E non è un caso che un terzo di loro abbia a che fare con la pandemia e con le malattie infettive. Se c'è una cosa che stiamo imparando in questi anni, infatti, è che la salute umana dipende da quella animale e da quella degli ecosistemi. Deforestazione, allevamenti intensivi, antibiotici dispersi nell'ambiente, perdita di biodiversità: sono boomerang che mettono a rischio la salute umana e aumentano il rischio di nuovi spillover e di nuove pandemie. Come tutelare la salute globale, costruendo davvero una salute circolare? E perché il lavoro di Cao, McCorknell e Ogoina si è mosso in questo solco? Lo chiediamo a Ilaria Capua, virologa e direttrice del One health institute of excellence dell'università della Florida, e autrice di "La meraviglia e la trasformazione. Verso una salute circolare" (Mondadori, 2021). Al microfono Francesca Buoninconti

15 Dic 2022