Vai al contenuto principale

Qui comincia Elisabetta Motta, "Le voci della rosa" (Pendragon)

Qui comincia

Elisabetta Motta, "Le voci della rosa" (Pendragon)

Con Arturo Stalteri. Scelte musicali e regia di Federico Vizzaccaro | Elisabetta Motta, "Le voci della rosa. Lettura di nove poeti contemporanei", con illustrazioni di Luciano Ragozzino e musiche di Vincenzo Zitello (Pendragon) | Sin dagli albori della cultura, prima per i poeti greci e poi per quelli latini, la rosa è sempre stata un elemento seducente, simbolo di bellezza, sacralità e perfezione. Con il procedere del tempo, poi, l'attenzione rivolta a questo fiore non è venuta meno, tanto che lo si può trovare nella poesia e nell'arte di ogni secolo quale elemento mutevole, ma sempre emblema di valori fondamentali. Attraversando il giardino costituito da questa prolifica tradizione, Elisabetta Motta coglie nove diverse rose, corrispondenti ad altrettanti poeti italiani contemporanei di diverse generazioni. Fulcro dell'analisi di ciascun autore è il suo rapporto con la rosa; il lavoro, però, si dimostra assai più ampio e sfaccettato andando a ricercare e analizzare con delicatezza la storia poetica e le tematiche più care a ciascuno di loro. Si costituisce così un'introduzione non solo alla poesia ma anche al percorso interiore degli artisti. Ad arricchire ogni capitolo vi sono le illustrazioni di Luciano Ragozzino – in apertura – e le musiche di Vincenzo Zitello – in chiusura – capaci di creare mondi meravigliosi liberamente ispirati dalla produzione dei poeti selezionati.

21 Mar 2023