Vai al contenuto principale

Qui comincia Pierre-Auguste Renoir: l'alba di un nuovo classicismo (Palazzo Roverella, Rovigo)

Qui comincia

Pierre-Auguste Renoir: l'alba di un nuovo classicismo (Palazzo Roverella, Rovigo)

Con Attilio Scarpellini. Scelte musicali e regia Ennio Speranza | Pierre-Auguste Renoir: l'alba di un nuovo classicismo (Rovigo, Palazzo Roverella, dal 25 febbraio al 25 giugno) a cura di Paolo Bolpagni | Una mostra che mette a fuoco il momento successivo alla breve esperienza impressionista, quando l'artista, spinto da una profonda inquietudine creativa, decide di intraprendere, nel 1881, un viaggio in Italia. Un tour che ebbe inizio a Venezia, dove a colpirlo furono soprattutto Carpaccio e Tiepolo (mentre già conosceva bene Tiziano e Veronese, ammirati e studiati al Louvre); che proseguì per brevi tappe a Padova e a Firenze; e che trovò una meta fondamentale a Roma. Qui Renoir fu travolto dalla forza della luce mediterranea e sviluppò un'ammirazione per i maestri rinascimentali. Un'ulteriore tappa del viaggio fu il golfo di Napoli: Renoir scoprì le pitture pompeiane, fu rapito dalla bellezza dell'isola di Capri e quasi soggiogato dai capolavori antichi esposti nel museo archeologico. Infine andò a Palermo, dove incontrò Richard Wagner e lo ritrasse in un'opera divenuta famosa. Il viaggio in Italia, più che suscitare opere di particolare rilievo, fu foriero di una sorta di rivoluzione creativa per l'artista, riverberandosi sul prosieguo della sua produzione, che culminerà, di fatto, nell'abbandono della tecnica e della poetica impressioniste, che avvenne prima dell'ufficiale scioglimento del sodalizio nel 1886. Dalla joie de vivre delle scene di divertimento della borghesia parigina degli anni Settanta, Renoir passò quindi a uno stile aspro. Riprendendo anche la lezione di Jean-Auguste-Dominique Ingres, il pittore, allora poco più che quarantenne, recuperò un tratto nitido e un'attenzione alle volumetrie e alla monumentalità delle figure, nel segno di una sintesi che enucleò una personale forma di classicismo, mentre le tendenze dominanti viravano verso il Postimpressionismo da una parte e il Simbolismo dall'altra. Nei primi due decenni del Novecento Renoir passò poi a dar vita a un'arte che costituì, mentre si scatenavano le avanguardie, una precoce avvisaglia della nuova sensibilità che sarebbe divenuta dominante dopo il conflitto mondiale, dipingendo in un possente stile neo-rinascimentale, dove i toni caldi e scintillanti mutuati da Tiziano e da Rubens si coniugavano con i riferimenti a un'iconografia mitica e classicheggiante e con un'esaltazione della poetica degli affetti familiari.

03 Apr 2023