Vai al contenuto principale

Qui comincia Sergio Martinotti, "Anton Bruckner" (Guanda)

Qui comincia

Sergio Martinotti, "Anton Bruckner" (Guanda)

Con Anna Menichetti. Scelte musicali e regia di Ennio Speranza | Sergio Martinotti, "Anton Bruckner", prefazione di Luigi Rognoni (Guanda) | Anton Bruckner è oggi considerato tra i massimi compositori della seconda metà dell'Ottocento, e le sue composizioni sinfoniche, accanto a quelle di Mahler, sono nel repertorio di ogni orchestra sinfonica. In questo volume Sergio Martinotti racconta l'enigmatica vita di un uomo schivo, che cercava di nascondere la propria complessa psicologia dietro una maschera da "compositore di provincia", spiegando al tempo stesso, con dovizia di esempi musicali, l'arte di un compositore ammirato dalla Vienna splendente e cosmopolita di fine secolo, amico di Richard Wagner e considerato da Gustav Mahler come un maestro. Il libro fu ripubblicato da Edizioni Studio Tesi e quindi da EDT. Sergio Martinotti (1932-2012) si è laureato in Lettere all'Università Cattolica di Milano con Giuseppe Vecchi, ha studiato pianoforte con Alberto Mozzati, frequentando i corsi di Paleografia Musicale di Cremona e Bologna. Critico musicale de «La Tribuna» di Roma, del «Corriere del Ticino», de «La Stampa» e di altri periodici, ha collaborato a enciclopedie, a riviste culturali italiane e a trasmissioni radiofoniche. Ha insegnato dal 1966 al Conservatorio «Verdi» di Torino e dal 1972 è stato docente di Storia della Musica all'Università Cattolica di Milano. Ha pubblicato, oltre a numerosi saggi, un libro sull'Ottocento strumentale italiano, un volume su Brahms, libro a cui è dedicata la trasmissione, la prima monografia italiana su Bruckner.

16 Apr 2023