Vai al contenuto principale

Zazà - Meridione cultura società Il ballo di Cavallo

Zazà - Meridione cultura società

Il ballo di Cavallo

Marco Cavallo è una grande scultura di legno e cartapesta realizzata nel 1973 all'interno del manicomio di Trieste, allora diretto da Franco Basaglia, ispiratore della legge sulla chiusura dei manicomi. Esibito in tutto il mondo per sensibilizzare politica e opinione pubblica, è diventato il simbolo dell'umanità nascosta, della lotta sociale, medica, politica, delle istanze di libertà e del riconoscimento della dignità delle persone. Nei giorni 13 e 14 giugno la scultura Marco Cavallo è stata a Napoli per due giorni di appuntamenti immaginati subito dopo la scomparsa di Franco Rotelli, protagonista e artigiano di una delle pagine più belle e dignitose della storia italiana, la Legge Basaglia e il processo che ne è seguito. Un processo che in questi anni è stato messo a dura prova dai tagli alla sanità pubblica, dalla de-strutturazione dei servizi territoriali; dalla sanitarizzazione forzata anche dei bisogni sociali; dalla sistematica precarizzazione del lavoro di operatrici e operatori, pubblici e privati. Ne parliamo con Andrea Morniroli, cooperatore sociale e attivista, e Tania Castellaccio, responsabile Area Accoglienza donne Dedalus. Dalla Puglia, sede di un Centro Marco Cavallo, interviene lo psichiatra Carlo Minervini. Storie di resistenza ambientale. La tutela di Napoli e della costa campana negli anni Settanta (Rubbettino) di Alessandra Caputi racconta in un libro l'assalto della speculazione edilizia a Napoli e alla costa campana, dal secondo dopoguerra. Alcune associazioni - Italia Nostra e il Comitato per la difesa ambientale e culturale del Mezzogiorno in primis - lottarono infaticabilmente contro questa galleria degli orrori. Una di queste battaglie oggi è portata avanti in Cilento dall'avvocato Franco Maldonado, ospite di Zazà. A seguire, lo storico ed esperto di "geopolitica del pallone", Riccardo Brizzi racconta la straordinaria parabola del Palermo dei primi anni Duemila che grazie alle gesta sportive di calciatori come Simplicio, Brienza e Maccarone giocò la Coppa Uefa. Per chiudere, tornano le rubriche Arcipelago Sud di Goffredo Fofi, dedicata al secondo episodio su Totò e la Finestra sul Mediterraneo di Lea Nocera. Con Piero Sorrentino.

18 Giu 2023