Vai al contenuto principale

Qui comincia Georges Perec, "L'infra-ordinario" (Quodlibet)

Qui comincia

Georges Perec, "L'infra-ordinario" (Quodlibet)

Con Attilio Scarpellini. Scelte musicali di Ennio Speranza. Regia di Francesco Mandica | Georges Perec, "L'infra-ordinario", trad. di Roberta Delbono (Quodlibet) | Un libricino pieno di semplici genialità, come riesce di norma a Perec, parlando dell'ordinario quotidiano. Ad esempio del quotidiano cibarsi, e fa l'inventario, comico e indigesto nella sua riassuntiva catalogazione, di tutto ciò che ha ingurgitato nel corso di un anno, il 1974: sette galline bollite con riso, settantacinque formaggi, sette zampini di maiale ecc. Poi come scrivere automaticamente duecentoquarantatré cartoline, tutte diverse, di ordinari saluti estivi usando solo cinque frasi elementari in tre varianti. E l'osservazione di una via di Parigi in sei date diverse, i negozi, le insegne, le scritte occasionali, le facciate, un gatto che passa, cioè tutto ciò che è sotto gli occhi, così ovvio che non lo si nota, ma esiste per un attimo poi sarà perduto per sempre. Questi scritti pubblicati tra il 1973 e il 1981 sono stati raccolti in libro nel 1989.

01 Set 2023