Vai al contenuto principale

Qui comincia Max Pfeiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia (Museo Casa di Goethe, Roma)

Qui comincia

Max Pfeiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia (Museo Casa di Goethe, Roma)

Con Attilio Scarpellini. Scelte musicali e regia di Federico Vizzaccaro | Max Pfeiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia (Roma, Museo Casa di Goethe, dal 28 settembre 2023 al 10 marzo 2024), a cura di Gregor H. Lersch | La Casa di Goethe dedica una retrospettiva ad un singolare artista del Modernismo: Max Peiffer Watenphul (1896-1976). Dopo aver studiato al Bauhaus di Weimar, fu attivo nei circoli delle avanguardie degli anni Venti. Durante il nazionalsocialismo, fu esposta una sua opera nella mostra "Arte degenerata" del 1937. Viaggiò più volte in Italia, dove rimase a vivere dopo il 1945. Morì a Roma nel 1976 e fu sepolto nel Cimitero acattolico. La mostra segue le tracce delle ispirazioni del Bauhaus nel lavoro di pittura e fotografia dell'artista. Watenphul ebbe molti contatti con altri importanti artisti del tempo, come testimoniato dalle opere provenienti dalla sua collezione privata che saranno esposte, tra cui quelle di Otto Dix e di Alexej von Jawlensky. Con un'installazione dell'artista Ruth Beraha, realizzata per la mostra. L'esposizione è in collaborazione con Kunstsammlungen Chemnitz – Museum Gunzenhauser. Il catalogo della mostra è edito da Electa.

06 Nov 2023