Vai al contenuto principale

Singapore - Futuro anteriore 3. Future continuous

Singapore - Futuro anteriore

3. Future continuous

Come camerieri nei ristoranti, addetti alle pulizie e portieri negli edifici, sorveglianti dell'ordine pubblico nelle strade, assistenti di medici e infermieri negli ospedali, pulitori di laghi e corsi d'acqua. A Singapore i robot li trovi ovunque. Anche con le quattro ruote sotto, se si considera la presenza di vetture e bus a guida autonoma sempre più diffusi. O di velivoli elettrici a decollo verticale in corso di sperimentazione. In una popolazione che invecchia, come la nostra, l'utilizzo di macchine e androidi compensa la scarsità di personale disponibile e potenzia le capacità degli operatori umani. Non solo. Nella città stato asiatica, priva di grosse risorse naturali come l'Italia, si sperimenta anche una tecnologia capace di procurarsi qualsiasi tipo di fabbisogno: la stampa 3D. Viene usata per ridurre gli approvvigionamenti di pezzi di ricambio dall'estero, in settori come l'elettronica, l'aerospazio, l'edilizia (interi grattacieli vengono "stampati" in tempi rapidi), ma anche per stampare in un'unica pasticca i principi attivi di diversi farmaci, così da aiutare gli anziani nell'aderenza ai trattamenti medici). Una società perfetta che dobbiamo copiare noi italiani? Niente affatto (parliamo anche dei limiti nel podcast). Ma, come dice in chiusura il filosofo Luciano Floridi (Università di Yale), "un modello non da imitare, ma da emulare, tarandolo sulle caratteristiche del nostro Paese". Con le interviste alla ricercatrice robotica Cecilia Laschi, Roberto Fabbri (imprenditore), Guglielmo Vastola (ricercatore), oltre a scienziati e amministratori locali. Un podcast di Massimo Cerofolini, con l'audio di Monica Gambino e la regia di Leonardo Patanè

28 Nov 2023