Vai al contenuto principale
Tre soldi

Al centro di Camerino

"Al centro di Camerino" di Diego Marras - A cinque anni dal sisma che ha devastato la città ducale, la ricostruzione sembra prendere finalmente una certa velocità, riaprono i primi ristoranti come "Noè Errante" e rientrano i primi cittadini ma il centro appare ancora deserto. Eppure il centro di Camerino è un autentico luogo di memoria. Qui è custodito il cuore di una identità collettiva e come tale l'attesa per la riapertura, non solo delle strade, ma anche delle attività culturali e commerciali è atteso da un intera comunità sia cittadina che rurale.

Episodi

25 Ott 2021

1. #1 | Al centro di Camerino | di Diego Marras

#1 | Stiamo percorrendo le vie di Camerino in macchina ed è chiaro che la devastazione portata dal terremoto del 26 Ottobre del 2016 è ancora palese. Le strazianti ferite del tessuto urbano si mostrano e le saracinesche sono ancora abbassate.
27 Ott 2021

2. #2 | Al centro di Camerino

#2 | Maria Luisa Magnoni, del sistema museale di ateneo dell'università degli studi di Camerino, ci parla di un luogo favoloso che ha resistito al terremoto: l'Orto Botanico. Istituito nel 1828 e intitolato alla professoressa "Carmela Cortini" fa parte del Museo delle Scienze.
28 Ott 2021

3. #3 | Al centro di Camerino | di Diego Marras

#3 | La testimonianza di Francesco Nobili ci restituisce l'immagine di un centro cittadino che ricomincia a rivivere a rilento. Donatella Pazzelli ci porta poi a visitare il Teatro Filippo Marchetti cuore della città e luogo simbolico di una città che vuole tornare a vivere