Vai al contenuto principale

La Grande Radio Igor Stravinskij, tra classicità e innovazione

Playlist

Igor Stravinskij, tra classicità e innovazione

Raccolta di contributi da vari programmi Radio Rai, dedicati al compositore

Episodi

11 Apr 2021

La musica di Igor Stravinskij

Raccontano Stravinskij (17 giugno 1882 – 6 aprile 1971) Roman Vlad (La carriera di un libertino, dal programma "Omaggio a Stravinskij"- 1983), Michele Dall'Ongaro (La sagra della Primavera, da "Lezioni di musica" del 2012), Enzo Restagno (dal programma "Dalle 2 alle 3"- 2009), Sergio Bassetti (da "Cent'anni suonati"- 1995)
04 Giu 2020

La Sagra della Primavera tra classicità e innovazione

Una lezione di musica interamente dedicata alla Sagra della Primavera di Igor Stravinsky con la voce del compositore e musicologo Michele dall'Ongaro a fare da guida. Ancora oggi il 29 maggio del 1913 è ricordato come una data che ha cambiato la storia della musica e della cultura del XX secolo, oltre che di uno dei più clamorosi fiaschi della scena teatrale. In realtà fu una vera e propria battaglia, uno scandalo che coinvolse pubblico comune, uomini di cultura, giornalisti, musicisti, intorno a un balletto di intensità deflagrante basato sulla musica di Stravinskij e sulla coreografia di Nijinsky. Il pubblico venne travolto e scosso dalla violenza sonora, dagli arditi contrasti armonici, dai prorompenti assemblaggi timbrici e dalla travolgente percussività ritmica.
29 Nov 2021

Filarmonica 200 | Igor Stravinskij

Terzo appuntamento con Filarmonica 200 Francesco D'Orazio violino e Giampaolo Nuti pianoforte Musiche di Igor Stravinskij
24 Nov 2017

Agon di Igor Stravinsky

L'1 dicembre 1957 va in scena a New York "Agon" di Igor Stravinky. Robert Holzer lo racconta a WikiMusic.
23 Gen 2022

Roman Vlad, "Stravinskij", nuova edizione (ed. Il Saggiatore)

Con Anna Menichetti. Regia di Federico Vizzaccaro. Libro del giorno: Roman Vlad, "Stravinskij", nuova edizione (ed. Il Saggiatore) | Igor Stravinskij: forse il musicista più discusso del Novecento, nel bene e nel male; sicuramente il più conosciuto. Antiromantico, neoclassico, rivoluzionario e, per alcuni, persino reazionario; dalla musica folclorica a quella sacra, da quella per il balletto al recupero della musica antica e all'incursione nella dodecafonia, la complessità della sua opera ha attraversato Russia, Europa e Nord America, generando le reazioni più diverse.