Vai al contenuto principale
Tre soldi

Italia - Romania: in viaggio con le badanti

ITALIA – ROMANIA: IN VIAGGIO CON LE BADANTI di Flavia Piccinni In Italia vivono più di un milione e mezzo di badanti, delle quali quasi trecento mila sono rumene. Ogni giorno, decine di loro partono dalle nostre città per tornare dalle rispettive famiglie. Intanto altre donne si mettono in viaggio per venire ad assistere i nostri anziani e così raccogliere, più o meno consapevolmente, gli ultimi brandelli della nostra memoria collettiva. I viaggi che queste donne compiono sono silenziosi, quasi invisibili, anche se continuamente autobus di linea e piccoli pulmini irregolari attraversano l'Italia e viaggiano per riportarle a casa attraverso la Slovenia e l'Ungheria. Ma, se delle città da cui vengono queste donne si sa molto poco, ancora meno si sa del viaggio che ogni sei mesi, ogni anno, intraprendono per lasciarsi alle spalle l'Italia e i nostri nonni, come li chiamano loro. Per raccontare questo lungo viaggio, costellato di soste e di zone grigie, e le storie che si intrecciano a bordo dell'autobus, ma anche il momento in cui l'Italia è cambiata e la cura degli anziani è stata lentamente delegata a degli estranei alla famiglia, Flavia Piccinni è partita a bordo di un pullman che dall'Italia l'ha portata, dopo oltre 2000 chilometri e quaranta ore di viaggio, nella capitale della Romania: a Bucuresti. Italia-Romania: in viaggio con le badanti è così il racconto, denso e sorprendente, di un'epopea di altri tempi, ma anche l'impietosa fotografia di come le badanti rumene curano e ascoltano i nostri anziani, di come considerano il proprio lavoro, il futuro e l'Italia.

Episodi

27 Feb 2018

Italia - Romania: in viaggio con le badanti | di Flavia Piccinni

In Italia vivono più di un milione e mezzo di badanti, delle quali quasi trecento mila sono rumene. Ogni giorno, decine di loro partono dalle nostre città per tornare dalle rispettive famiglie. Intanto altre donne si mettono in viaggio per venire ad assistere i nostri anziani e così raccogliere, più o meno consapevolmente, gli ultimi brandelli della nostra memoria collettiva. I viaggi che queste donne compiono sono silenziosi, quasi invisibili, anche se continuamente autobus di linea e piccoli pulmini irregolari attraversano l'Italia e viaggiano per riportarle a casa attraverso la Slovenia e l'Ungheria. Ma, se delle città da cui vengono queste donne si sa molto poco, ancora meno si sa del viaggio che ogni sei mesi, ogni anno, intraprendono per lasciarsi alle spalle l'Italia e i nostri nonni, come li chiamano loro. Per raccontare questo lungo viaggio, costellato di soste e di zone grigie, e le storie che si intrecciano a bordo dell'autobus, ma anche il momento in cui l'Italia è cambiata e la cura degli anziani è stata lentamente delegata a degli estranei alla famiglia, Flavia Piccinni è partita a bordo di un pullman che dall'Italia l'ha portata, dopo oltre 2000 chilometri e quaranta ore di viaggio, nella capitale della Romania: a Bucuresti. Italia-Romania: in viaggio con le badanti è così il racconto, denso e sorprendente, di un'epopea di altri tempi, ma anche l'impietosa fotografia di come le badanti rumene curano e ascoltano i nostri anziani, di come considerano il proprio lavoro, il futuro e l'Italia.