Vai al contenuto principale

Gettoni di Letteratura Leonora Carrington

Gettoni di Letteratura

Leonora Carrington

Pittrice, scultrice e illustratrice, ma anche scrittrice e drammaturga. Inquieta, creativa e indomabile, la sua scrittura e la sua arte sono il simbolo femminile del surrealismo. Il racconto della sua vita in 5 episodi.

Episodi

01 Apr 2019

1. Leonora Carrington 1 | Il paese delle ombre

«Quando arrivammo al terzo piano entrammo in un'immensa stanza dei bambini dove c'erano centinaia di giocattoli rotti o mutilati, disseminati per ogni dove. Lucrezia si avvicinò ad un cavallo di legno. Era piuttosto antico – non avrà avuto meno di cento anni – e appariva come congelato in pieno galoppo».
02 Apr 2019

2. Leonora Carrington 2 | La debuttante

«Quando ero una debuttante, andavo spesso al giardino zoologico. Ci andavo così spesso che conoscevo di più gli animali che le ragazze della mia età. Era per fuggire la gente, che mi ritrovavo ogni giorno allo zoo. La bestia che ho conosciuto meglio era una giovane iena. Anche lei mi conosceva. Era molto intelligente, le insegnai il francese… Per il primo maggio, mia madre aveva organizzato un ballo in mio onore. Soffrii per notti intere. Ho sempre detestato i balli, soprattutto quelli dati in mio onore. La mattina del primo maggio 1934, molto di buon'ora, feci visita alla iena».
03 Apr 2019

3. Leonora Carrington 3 | La dama ovale

«Una dama molto alta e sottile stava in piedi davanti alla finestra. Anche la finestra era molto alta e stretta. Il viso di quella dama era pallido e triste. Era immobile, come tutto lì accanto, salvo la piuma di fagiano che aveva tra i capelli. La piuma tremula continuava ad attirare il mio sguardo: si agitava talmente a quella finestra, dove tutto era immobile».
04 Apr 2019

4. Leonora Carrington 4 | Giù in fondo

«Abitavo a Saint Martin d'Ardèche. Avevo pianto per qualche ora, giù, nel villaggio. Poi me n'ero tornata su a casa dove per ventiquattr'ore mi ero abbandonata a conati di vomito provocati volontariamente con acqua di fiori d'arancio e interrotti da un breve sonno. Speravo allora di stornare la sofferenza con quegli spasmi violenti che squassavano il mio stomaco come scosse di terremoto».
05 Apr 2019

5. Leonora Carrington 5 | Il latte dei sogni

«Una donna bianca si vestiva di nero. Nero su nero. Neri i pigiami e pure il sapone. Aveva tutto nero. Nero come la notte. Nero come il carbone. Ma quando piangeva, le scendevano lacrime blu e verdi come pappagallini. Quando suonava il flauto piangeva molto».