Vai al contenuto principale

I diari di Pieve Santo Stefano Manuale di sopravvivenza

I diari di Pieve Santo Stefano

Manuale di sopravvivenza

Mario Perrotta, una delle voci più significative del teatro contemporaneo italiano, dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo. È una storia epica, emblematica, di un uomo che ha superato tutte le difficoltà della vita, rischiando spesso la propria e rialzandosi sempre. A 70 anni Rabito, semianalfabeta, prende l'Olivetti Lettera22 del figlio Giovanni e intraprende l'ultima battaglia della sua esistenza, quella con la macchina da scrivere. Scolpisce la sua epopea fatta di caratteri incisi sulla carta e di parole divise l'una dall'altra da un punto e virgola.

Episodi

06 Apr 2020

Ebica 1 - Quando fui nato

Mezzo secolo di racconti di un contadino siciliano divisi in 30 "ebiche" (epoche) della sua esistenza.
08 Apr 2020

Ebica 4 - Trenceia

Mezzo secolo di racconti di un contadino siciliano divisi in 30 "ebiche" (epoche) della sua esistenza.
09 Apr 2020

Ebica 5 - Terramatta

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo
10 Apr 2020

Ebica 7 - La febre spagnola

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo
13 Apr 2020

Ebica 9 - Revolozione

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo
14 Apr 2020

Ebica 10 - Sono deventato fascista

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo
15 Apr 2020

Ebica 12 - La 5 elimentare

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo
16 Apr 2020

Ebica 14 - Iene, lione e scimie

Mario Perrotta dà voce a Terra matta di Vincenzo Rabito, le memorie di un cantoniere semianalfabeta che attraversano un intero secolo