Vai al contenuto principale
Tre soldi

Neve e Fuoco, l'Italia in Argentina

Di Italia in Argentina ce n'è molta. Dai "tanos", i figli degli immigrati che attraversarono l'oceano un secolo fa, ai molti che scelgono come meta per vivere e lavorare una nazione che offre meno sicurezze dell'Europa ma che, forse proprio per questo, conserva intatta la sua vitalità. Questo viaggio sulle tracce degli italiani d'Argentina comincia nell'estremo sud, nella Terra del Fuoco, in una città che fu ripopolata nel 1948 da duemila lavoratori tra emiliani e veneti, venuti per cercare fortuna in capo al mondo. E prosegue poi a Buenos Aires, dove è ancora viva la memoria del movimento anarchico un tempo composto soprattutto da italiani. Buenos Aires è una città di grandi contraddizioni, epicentro delle proteste contro la crisi perenne che sovrasta le vite degli argentini e città affascinante e viva, dove tanti europei finiscono per cercare ispirazione artistica e impegno sociale. Questo guardarsi allo specchio degli italiani in Argentina è il frutto di un dialogo mai interrotto tra queste due nazioni, che ricorda agli europei il tempo in cui "a migrare eravamo noi".

Episodi