Vai al contenuto principale

Le meraviglie Spazi museali

Le meraviglie

Spazi museali

Gli spazi museali italiani raccontati da scrittori, poeti, studiosi e artisti. Ascolta "Le meraviglie" di Rai Radio 3 in podcast >>

Episodi

19 Set 2020

Archivio fotografico Riccardo Carbone a Napoli raccontato da Massimo Raffaeli

Nel cuore di Napoli, in un antico palazzo al n. 406 di Via Toledo, visitiamo con Massimo Raffaeli uno straordinario luogo/contenitore artistico della comunicazione secolare e di conservazione della memoria collettiva: l'archivio forografico intitolato a un leggendario fotoreporter del Mattino: Riccardo Carbone. Dal 2015 è una Onlus riconosciuta dal Ministero dei Beni Culturali. E' un viaggio davvero affascinante nella storia di Napoli - ma non solo, c'è tanto anche della vocazione cosmopolita e internazionale della città- attraverso ben 500 mila scatti tra il 1945 e il 1973 che sono ancora in parte in via di digitalizzazione.
23 Apr 2017

Arte Sella in Trentino raccontata da Mario Brunello

Arte Sella, incredibile «museo all' aperto», da trent'anni ospita creazioni di artisti provenienti da tutto il mondo. Posta nel cuore del Trentino, a poco più di 1000 metri sopra Borgo Valsugana,  la zona montuosa ora abitata da sculture e installazioni è stata una dei teatri della Grande Guerra, i cui segni sono ancora visibili sul terreno. Ma la sensazione che la Val di Sella oggi offre al visitatore è, al contrario, quella di un'oasi di pace e bellezza, dove l'uomo stabilisce una complicità davvero eccezionale con la natura. Le oltre trecento opere realizzate dal 1986 ad oggi sono infatti completamente biodegradabili, perché costruite soltanto con materiali naturali: legno, pietra, acqua. Con il passare degli anni, infatti, a poco a poco svaniscono, per lasciare posto ad altre, diverse testimonianze artistiche che interpretano in modo sempre nuovo il dialogo tra creatività umana e mondo naturale.  Nel corso della passeggiata con Mario Brunello ci avviciniamo a diverse opere d'arte che abitano oggi il paesaggio arricchendolo di vere e proprie meraviglie; tra tutte la "Cattedrale Vegetale" dell'artista lombardo Giuliano Mauri è forse la più maestosa:  ideata nel 2001, ha le dimensioni di una vera cattedrale gotica composta da tre navate formate da ottanta colonne di rami intrecciati, alte dodici metri e con un un metro di diametro; all'interno di ognuna e' stato messo a dimora un giovane carpino. Le piante crescono di circa 50 centimetri all'anno e, con tagli e potature, saranno via via adattate sino a formare, fra qualche anno, la cattedrale definitiva. La struttura, che cambia colore in ogni stagione passando dal verde al giallo oro, dal rosso al bianco della neve, si estende in un' area di 1.230 metri quadrati, pari a quella di  Notre Dame! Brunello ci racconta che i visitatori di solito abbassano la voce quando la attraversano, come se si trovassero in un luogo sacro.
23 Nov 2019

Casina delle Civette a Roma raccontata da Daniele Aristarco

Siamo a Roma, dentro Villa Torlonia e qui scopriamo la Casina delle Civette, che, dall'esterno è una bizzarria architettonica, un po' chalet svizzero, un po' luogo misterioso e fiabesco e all'interno è un capolavoro di arte liberty con meravigliose vetrate dipinte, mosaici e arredi. Fu la residenza solitaria di Giovanni Torlonia Junior che qui visse dal 1925 fino al 1938, anno della sua morte. Oggi è una casa museo aperta al pubblico e vale la pena visitarla, secondo Aristarco, per vivere un'esperienza davvero unica attraverso lo spazio e il tempo. Daniele Aristarco (Napoli,1977). È autore di racconti e saggi divulgativi rivolti ai ragazzi, pubblicati sia in Italia sia in Francia. Tra i suoi libri, tutti editi da Einaudi Ragazzi: Shakespeare in shorts. Dieci storie di William Shakespeare (2016); Io dico no! Storie di eroica disobbedienza (2017); Così è Pirandello (se vi pare). I personaggi e le storie di Luigi Pirandello ( 2017); Io dico sì! Storie di sfide e di futuro (2018) I suoi ultimi libri, tutti editi nel 2019: Non è mica una tragedia. Le grandi storie e i personaggi del teatro greco, Lettere a una dodicenne sul fascismo di ieri e di oggi, Io vengo da. Corale di voci straniere.
05 Gen 2020

Castello di Conversano raccontato da Vito Bianchi

Il Castello di Conversano è al centro della storia pugliese, l'archeologo Vito Bianchi traccia una storia affascinante che a partire dai normanni arriva alla contemporaneità. La storia di Conversano è antichissima: fu importante centro della Peucezia per poi, ci dice lo scrittore e professore di archeologia Vito Bianchi, prendere il nome di Cupersanum in epoca medioevale. Il Castello, edificato in pietra bianca, era la sede dei Conti di Conversano e Vito Bianchi declina la incredibile stratificazione di questo luogo che mette in scena la storia Normanna, Angioina, Aragonese della Puglia fino alla contemporaneità. Oggi visitare il Castello significa sopratutto incontrare una splendida e città e ammirare i quadri di Paolo Finoglio. Vito Bianchi insegna all'Università di Bari è autore di numerosissimi saggi su rilevanti protagonisti della storia come Gengis Khan, Marco Polo, Dracula e anche di pubblicazioni legate alla Puglia tra le quali ricordiamo " L' atlante parigino. Fortificazioni del Cinquecento alle frontiere della cristianità" Adda 2018 "Bari, la Puglia e la Francia" 2015, "Castelli sul mare" Laterza 2008
04 Mar 2018

Corporea. Il Museo del Corpo Umano a Napoli raccontato da Pietro Greco

Corporea è il Museo del corpo umano più grande che ci sia in Europa ed è un museo hands on dove è vietato non toccare, tutto è interattivo e chi lo visita può, curiosando e giocando, vivere una vera e propria esperienza scientifica complessiva che coinvolge mani, cuore e mente. Con Pietro Greco percorriamo le diverse sezioni del Museo collegate tra loro attraverso il corridoio della comunicazione e ci fermiamo a scoprire alcuni degli exibit proposti al pubblico per conoscere, emozionare e ragionare insieme.
06 Giu 2020

Educatorio del Fuligno raccontato da Luca Scarlini

Attraversiamo con Luca Scarlini le vicende storiche dell'Educatorio del Fuligno, un luogo che attraverso i secoli ha sempre avuto una grande rilevanza sociale soprattutto per le donne. Questo antico convento fiorentino ha ritrovato nel dopoguerra la sua centralità artistica e la sua vocazione all'assistenza. L'Educatorio è arricchito da un'opera straordinaria che rende imperdibile la visita: l'Ultima Cena di Pietro Perugino, un affresco riscoperto nel 1845 nel Refettorio del soppresso monastero di S. Onofrio. Luca Scarlini, saggista, drammaturgo, storyteller in scena, spesso insieme a cantanti, attori e anche in veste di interprete. Insegna all'Accademia di Brera e in altre istituzioni italiane e straniere; collabora con numerosi teatri e festival in Italia e all'estero e con Radio3 . Ha scritto in molti contesti delle relazioni tra musica e società, intervenendo nei programmi di sala di vari teatri europei, curando anche rubriche per il Teatro Regio di Torino; suoi testi sono tradotti in numerose lingue. Tra i suoi libri: La musa inquietante (Cortina) Equivoci e miraggi (Rizzoli), D'Annunzio a Little Italy (Donzelli), Lustrini per il regno dei cieli (Bollati Boringhieri), scrive regolarmente su "Alias" del Manifesto e su "L'Indice dei Libri".
07 Apr 2019

Fondazione Pino Pascali a Polignano a Mare raccontata da Roberto Lacarbonara

Lo storico dell'arte Roberto Lacarbonara ci racconta un museo che celebra il genio di Pino Pascali e che guarda ad oriente verso le altre esperienze artistiche dell'Adriatico. Roberto Lacarbonara è docente di Storia dell'Arte all'Accademia di Belle Arti di Lecce tra le sue pubblicazioni ricordiamo: "Super. Pino Pascali e il sogno americano" con Giuseppe Teofilo (Skira 2018).
20 Gen 2018

Museo del vino a Barolo raccontato da Luciano del Sette

"Il vino è il canto della terra verso il cielo. Ha i suoi tenori e i soprano, contadini – agricoltori se volete – e contadine che lavorano le vigne e ne vinificano le uve, con tutta la fatica, l'intelligenza e la passione che vigna e vino esigono" la puntata dedicata al Museo del vino a Barolo comincia nel segno delle parole di Luigi Veronelli. Luciano Del Sette ci ricorda alcuni aspetti della storia della città di Barolo e del suo legame con la produzione del vino. Il maestoso castello medioevale dei marchesi Falletti di Barolo ospita dal 2010 la sede del Museo del vino, allestito dall'architetto François Confino. Le diverse sezioni espositive ripercorrono la storia del vino piemontese e dell'enologia. Luciano Del Sette ricorda anche la figura della filantropa Juliette Colbert (Giulia di Barolo) che ebbe un ruolo centrale nella costruzione del mito del Barolo un vino famoso in tutto il mondo.
06 Gen 2019

Palazzo Grimani a Venezia raccontato da Guido Beltramini

Guido Beltramini, direttore del Palladio Museum, ci porta all'interno di uno dei Palazzi più significativi di Venezia. Attraverso la storia di Giovanni Grimani, il committente di quello che oggi è un interessantissimo museo ( http://www.palazzogrimani.org/), ripercorriamo il cinquecento veneziano e la storia dell'arte del rinascimento.
01 Apr 2018

Palazzo Milzetti a Faenza raccontato da Anna Ottani Cavina

Palazzo Milzetti rappresenta, in modo inalterato, il sogno neoclassico ed è divenuto Museo Nazionale nel 1973. Palazzo Milzetti, come appare oggi, presenta la sistemazione architettonica progettata dall'arch. Giuseppe Pistocchi (1744-1814) nell'ultimo decennio del Settecento. L'atteggiamento dichiaratamente filofrancese del Pistocchi gli valse la prigione nel forte di San Leo, decretata dal governo pontificio. Con la morte del conte Nicola Milzetti e il riscatto da parte del figlio Francesco dell'intera proprietà del palazzo, ha inizio il secondo tempo dei lavori, condotti con la consulenza dell'Antolini . In successione, si colloca l'intervento di Felice Giani (1757-1823) al quale va fatta risalire l'invenzione dell'intero partito decorativo, progettato in tutti i dettagli. Suoi sono infatti i disegni, ora ritrovati, per i pannelli a stucco eseguiti da Antonio Tretanove e successivamente da Francesco e Giovan Battista Ballanti Graziani. I dipinti sono stati condotti, anziché ad affresco, a tempera su muro. Studi e disegni di Giani per i dipinti e gli stucchi di Palazzo Milzetti si conservano in numerose collezioni italiane e straniere. Il nucleo più consistente e omogeneo appartiene alla raccolta del Cooper-Hewitt Museum di New York. "Una panchina a Manhattan" e "Terre senz'ombra" sono gli ultimi volumi pubblicati per Adelphi da Anna Ottani Cavina; Già visiting professor presso numerosi atenei statunitensi (Yale, Brown e Columbia), il suo saggio I paesaggi della ragione. La città neoclassica da David a Humbert de Superville (1994) ha ottenuto il Premio Morassi per la Storia dell'Arte. Ha collaborato a più riprese con la National Gallery di Washington, il Getty Center di Los Angeles e il Metropolitan Museum di New York; ha inoltre creato e diretto la Fondazione Federico Zeri, di cui è presidente onorario.
26 Ott 2019

Parco Stibbert a Firenze raccontato da Elisa Biagini

Il parco Stibbert a Firenze è un luogo meraviglioso un autentico caleidoscopio di stili. La poetessa Elisa Biagini conosce e frequenta questo luogo da anni e ne conosce la quotidianità e i segreti. Elisa Biagini scrittrice ha pubblicato le sue poesie per Einaudi : L'Ospite ( 2004), Nel Bosco ( 2007), Da una crepa (2014). I suoi testi sono tradotti in inglese, spagnolo, francese, tedesco, portoghese, giapponese, croato, slovacco, russo, sloveno, arabo, serbo, turco e cinese. Ha partecipato ad importanti festival italiani e internazionali e come traduttrice ha curato tra gli altri il volume Nuovi poeti americani (Einaudi, 2006). Insegna Storia dell'Arte e Scrittura Creativa (Poesia e Scrittura di viaggio) a NYU Florence e all'estero e collabora con la Repubblica (Firenze).
20 Set 2020

Polo del '900 a Torino raccontato da Luca Dal Pozzolo

Una favolosa esedra settecentesca, nel contesto dei quartieri Juvarriani, ospita il Polo del '900. L'architetto Luca Dal Pozzolo ci illustra un progetto fatto di 22 Enti Partecipanti che rappresentano un punto di riferimento nella ricerca storica, sociale, economica e culturale del Novecento e nella salvaguardia dei valori della resistenza, della democrazia e delle libertà. Attraversiamo i palazzi di San Daniele e di San Celso che accolgono il museo della resistenza, un cinema, mostre e performance, una biblioteca, un archivio delle lotte sindacali, spazi per eventi. Luca Dal Pozzolo, Architetto, è co-fondatore della Fondazione Fitzcarraldo e dal 1998 è direttore dell'Osservatorio Culturale del Piemonte, è docente nel Master in Advanced Studies in Cultural Management di Lugano ed è responsabile di un modulo di Museografia in un Master del Politecnico di Torino . Ha coordinato la progettazione di numerosi Musei e beni culturali tra i quali il Museo di Scienze Naturali di Torino, il Polo del '900 nei Quartieri Juvarriani, ha collaborato al progetto di recupero Il Polo del Contemporaneo di Bari composto dal Mercato del Pesce e dal teatro Margherita. Tra le sue pubblicazioni recenti ricordiamo i saggi "Patrimonio culturale tra memoria e futuro", "Esercizi di sguardo. Cultura e percezione del quotidiano", entrambi pubblicati da Editrice Bibliografica dove dirige la collana "Geografie Culturali".
15 Nov 2020

Sito di Vereto a Patù raccontato da Mario Desiati

Il parco archeologico di Vereto è una viva testimonianza di una storia controversa e straordinaria. I Muri a secco di Vereto in se sono unici e insoliti pur insistendo in un aerea salentina celebre per questo tipo di costruzione mediterranea. In origine il sito fu abitato dai Messapi ma il suo passato misterioso è una sfida all'archeologia. Mario Desiati ci accompagna tra le pieghe della storia multiforme di una città più volte distrutta e risorta. Raggiungiamo la Chiesa di San Giovanni Battista costruita, sembrerebbe, per celebrare la vittoria di Carlo Magno contro i saraceni nella leggendaria battaglia di Campo Re. Di fronte alla chiesa troviamo il monumento funebre di Cento Pietre costruito con cento blocchi tufacei a ricordare le cento pugnalate che una ragazza avrebbe subito proprio dai saraceni o forse costruito in onore del barone Geminiano che cercò di portare un messaggio dei carolingi nel campo avverso ma venne barbaramente trucidato. https://parcovereto.it/