Vai al contenuto principale

Battiti -

Magazine musicale dedicato alle musiche avventurose della contemporaneità, dal jazz all'elettronica sperimentale, dalla black music al rock d'avanguardia, con particolare attenzione alle novità discografiche e alle scene sotterranee italiane e internazionali. Un'ora e mezza di musica che ogni notte, per tutta la settimana, si compone di ascolti differenti: nuove uscite, interviste, concerti e live report, speciali, monografie e interventi realizzati con materiali diversi e ospiti esterni, che trovano nell'alternanza delle proposte, delle voci e dei formati specificità e il senso della ricerca radiofonica. Un programma di Pino Saulo, Chiara Colli, Ghighi Di Paola, Luca Marchese, Antonia Tessitore.

Lista episodi

13 Feb 2022

Teho Teardo – Mixtape X Battiti

Battiti per me è una persona, anche se nella redazione ci sono diverse teste che pensano uno dei migliori programmi radio di sempre. Per me Battiti è un'entità, umana e forse anche un po' di più. Quando Battiti mi ha scritto una mail proponendomi di curare un'intera puntata ho pensato di onorarne la persona contattando alcuni dei musicisti che più stimo. Ho chiesto loro di preparare un brano inedito appositamente per questa puntata, di raccontarlo. Alcune di queste composizioni riguardano libri o erano tra le pagine dei loro autori prima di diventare suono, e così ci sono alcune testimonianze che ci dicono come un testo o un'idea possa diventare suono. Il mio è un tentativo di descrivere questo divenire, affascinato come sono dal senso di possibilità che la musica continua a darmi in un irregolare passaggio di stato, una sorta di sublimazione da stato solido a gassoso. Per me è anche un salto di specie perché il linguaggio è un virus. Battiti la chiama mixtape, io preferisco pensare a una di quelle cassette C60 che un dj delle mie parti vendeva nel suo negozio di dischi. Se volevi contare qualcosa nella piazza e nel suo equivalente sonoro, la pista da ballo dell'Oasi club, dovevi possederne almeno una. Non ne ho mai avuta neanche una perché era musica tamarra, perché le mie frequenze assomigliavano a quelle di Battiti quando Battiti ancora non esisteva ma io segretamente desideravo ci fosse. Ad un certo punto Battiti è venuta al mondo e un nutrito contingente di scellerati come me ha cominciato a ballare, a danzare facendo cerchi in aria nei suoni che più ci piacciono. Buon ascolto Teho Teardo
91 min